8 C
Gorizia
martedì, 6 Dicembre 2022

Bernardis (Lega), “La collaborazione Gorizia-Nova Gorica è una pietra miliare d’integrazione”

18.12.2020 – 09.33 – “Sapremo finalmente se la candidatura congiunta di Nova Gorica e Gorizia sarà quella vincente, terrò le dita incrociate perché il territorio goriziano si merita questa proclamazione visto il grande lavoro che è stato messo in atto a tutti i livelli per presentare un progetto vincente e di grandissima qualità”. È il consigliere regionale della Lega, Diego Bernardis, a ricordare come nel primo pomeriggio di oggi, venerdì 18 dicembre 2020, la Commissione decreterà chi verrà nominata Capitale Europea della Cultura 2025 fra Pirano, Lubiana, Ptuj e, ovviamente, Nova Gorica-Gorizia.

In particolare, Diego Bernardis aggiunge: “Il pittore e scultore tedesco Max Klinger, a inizio secolo scorso, definì Gorizia come ‘La porta più bella aperta sulla Italia’. L’auspicio è che tale porta si spalanchi ulteriormente alla cultura, alle arti, alla musica, alla danza e alle attività artistiche più in generale per far entrare tutti i cittadini d’Europa e del mondo nella nuova Capitale Europea della Cultura. La Regione Friuli Venezia Giulia, grazie alla grandissima sensibilità del presidente Massimiliano Fedriga e dell’assessore regionale alla Cultura, Tiziana Gibelli, ha sempre sostenuto la candidatura congiunta delle due municipalità goriziane. Qualsiasi sarà il verdetto, le città di Gorizia e Nova Gorica hanno ormai iniziato un percorso di integrazione e di reciproca collaborazione che ritengo incontrovertibile. La Regione sosterrà sempre tale volontà di collaborare e cooperare fra due città ché, seppur apparentemente divise dal confine, nelle reciproche diversità, sono un modello di convivenza e di integrazione europea che valorizza le identità, le tradizioni e la dimensione locale”.

[c.s,.]

Ultime notizie

Dello stesso autore