Ddl125, Roberti: “Sicurezza bene comune da costruire in maniera condivisa”

24.03.2021 – 10.11 – “L’apprezzamento più grande, dopo quasi venti ore di dibattito, va a una maggioranza che in Aula ha condiviso non un singolo articolo, ma un disegno complessivo che configura la sicurezza come un bene comune da costruire in maniera condivisa e partecipata”.
Questo il commento dell’assessore regionale alla Sicurezza del Friuli Venezia Giulia, Pierpaolo Roberti, a margine dell’approvazione da parte del Consiglio regionale del disegno di legge n.125 “Disciplina in materia di politiche integrate di sicurezza e ordinamento della polizia locale“.
“Per noi la sicurezza non può essere un terreno di guerra ideologica o materia di campagna elettorale” ha spiegato l’assessore. “Lo abbiamo dimostrato in questi giorni, mantenendo un profilo basso, senza alcuna speculazione politica. A differenza di altri”.
L’innovazione introdotta dal disegno di legge, secondo Roberti, è quella di concepire la sicurezza non più come un qualcosa di settoriale dove l’unico soggetto a esercitare una competenza esclusiva è lo Stato, ma un campo d’azione nel quale diversi protagonisti, ciascuno per la propria competenza, contribuiscono al bene collettivo. “Penso, ha concluso Roberti, al ruolo attribuito ai volontari, alle associazioni e a un attore istituzionale importante di riferimento per i territori come la Polizia locale”.
[n.t.w] [n.n]