10.3 C
Gorizia
giovedì, 8 Dicembre 2022

Viaggi all’estero: aggiornate le modalità di rientro in Italia

13.04.2021 – 14.12 – Sono state aggiornate le indicazioni per il rientro in Italia dall’estero e che avranno validità sino al giorno venerdì 30 aprile; le nuove modalità comprendono ulteriori misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica, in ottemperanza all’ordinanza 2 aprile del ministro della Salute, Roberto Speranza.
Chiunque abbia soggiornato in uno dei Paesi del Gruppo C nei 14 giorni antecedenti al rientro in Italia, dovrà sottoporsi a tampone antigienico o molecolare massimo 48 ore prima, registrandosi al Dipartimento di Prevenzione della Azienda Sanitaria di competenza attraverso la compilazione di un modulo. A questo punto, a prescindere dall’esito del test, sarà obbligatorio sottoporsi alla sorveglianza sanitaria e a un periodo di cinque giorni di quarantena presso l’abitazione o la dimora, al termine della quale è previsto un nuovo tampone, molecolare oppure antigienico.

I Paesi vengono divisi in categorie, secondo quanto previsto nall’allegato n° 20 del Dpcm 2 marzo 2021: l’Elenco A comprende la Città del Vaticano e la Repubblica di San Marino, per le quali non è prevista nessuna limitazione all’ingresso sul territorio nazionale. L’Elenco B, nel quale vengono inseriti i Paesi a rischio epidemiologico basso, prevede solo la compilazione di un’autodichiarazione recante il nome dei paesi in cui ci si è recati nei 14 giorni precedenti; al momento nessun Paese rientra nel gruppo B.
L’Elenco C comprende Andorra, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca (incluse isole Faer Oer e Groenlandia), Estonia, Francia, Finlandia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda, Israele, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Malta, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo (incluse Azzorre e Madeira), Principato di Monaco, Regno Unito e Irlanda del Nord, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Ungheria.

L’Austria, pur rientrando nel gruppo denominato C, prevede specifiche regole in caso di soggiorni o transiti nella sola regione austriaca del Tirolo, con obbligo di sottoporsi ad un test molecolare o antigenico – da effettuarsi per mezzo di tampone, almeno 48 ore prima dell’ingresso nel territorio nazionale -, sorveglianza sanitaria, isolamento fiduciario per un periodo di quattordici giorni presso l’abitazione o la dimora e obbligo di effettuare un ulteriore test molecolare o antigenico al termine dei quattordici giorni di quarantena.

Esistono regole particolari anche per il rientro dal Brasile, che è consentito solo a coloro che hanno la residenza anagrafica in Italia da data anteriore al 13 febbraio 2021, funzionari e agenti diplomatici, consolari e militari nell’esercizio delle proprie funzioni, assieme a coloro che sono stati espressamente autorizzati dal Ministero della salute.

Nell’Elenco D rientrano invece Australia, Giappone, Nuova Zelanda, Repubblica di Corea, Ruanda, Singapore e Tailandia. Al rientro da questi paesi è prevista la comunicazione Dipartimento di Prevenzione competente comunicando l’indirizzo di domicilio ed il numero di telefono, garantendo di rimanere telefonicamente in contatto con il Dipartimento di Prevenzione e di rispondere alle domande sullo stato di salute durante l’isolamento domiciliare di 14 giorni.

Le disposizioni, secondo quanto previsto nell’art. 51, comma 7 del DCPM 2 marzo 2021, non si applicano all’equipaggio dei mezzi di trasporto, al personale viaggiante, a chiunque fa ingresso in Italia per un periodo non superiore alle 120 ore per comprovate esigenze di lavoro, salute o assoluta urgenza (con l’obbligo, allo scadere di detto termine, di lasciare immediatamente il territorio nazionale o, in mancanza, di iniziare il periodo di sorveglianza e di isolamento fiduciario); le medesime regole si applicano anche a chi si muova su territorio nazionale con mezzo proprio per meno di 36 ore.
Sono inoltre non applicabili ai lavoratori transfrontalieri e operatori sanitari, alunni o studenti che seguono corsi in uno stato diverso da quello di residenza, ai viaggiatori di voli “Covid Tested” ed agli spoirtivi impegnati in competizioni di carattere nazionale.

mb.r

Ultime notizie

Dello stesso autore