Friuli Venezia Giulia regione più verde d’Italia? Un sogno che guarda al 2040

30.04.2021 – 10.42 – Nonostante i tempi complessi che hanno investito lo Stivale, e oltre, con l’entrata in scena del Covid-19, il tema dell’ambiente resta una questione, e un problema, ancora caldo, che vede misure attuative sull’argomento anche in Friuli Venezia Giulia.
“La nostra politica ambientale è stata, dal primo giorno di mandato, quella dello sviluppo sostenibile: quindi è necessario trovare l’equilibrio tra salute, ambiente e lavoro”.
Una sana convivenza tra uomo e natura che l’assessore alla Difesa dell’Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile Fabio Scoccimarro ha voluto mettere in risalto nell’incontro svoltosi ieri, giovedì 29 aprile, con il comitato Abc di San Vito al Tagliamento e alcuni consiglieri regionali sul tema del nuovo insediamento Kronospan.

“Puntiamo ad essere la regione più ‘verde’ d’Italia
 con il raggiungimento della neutralità energetica con emissioni di CO2 pari a zero entro il 2040, 10 anni prima di quanto indicato dall’UE” ha dichiarato Scoccimarro.
Chi lavora o vuole insediarsi nella nostra regione deve rientrare non solo nei limiti di legge, ma anche rispettare il nuovo piano di qualità dell’aria che approveremo entro l’anno e che introduce la valutazione della la sommatoria delle sorgenti emissive d’area. Come anche va tutelata e rispettata la risorsa idrica del territorio cui abbiamo riservato la massima attenzione con la legge 21/2020 sulle grandi derivazioni idroelettriche”.
“Se i tecnici che seguono le istruttorie autorizzative confermeranno che questi pilastri dello sviluppo sostenibile sono rispettati in virtù delle leggi e regolamenti vigenti – ha concluso l’esponente della Giunta -, le attuali e future realtà imprenditoriali ed industriali ecocompatibili vedranno il sostegno della Regione”.
[c.c]