3.9 C
Gorizia
lunedì, 24 Gennaio 2022

In migliaia al corteo “No green pass” a Trieste

02.10.2021 – 08.28 – È partito deciso il corteo no green pass di Trieste. La “terza edizione” della manifestazione mira a ribadire ancora una volta un perentorio “no” alla certificazione verde. Migliaia i partecipanti che hanno preso a camminare da Largo Riborgo proseguendo lungo Corso Italia, piazza Goldoni, via Carducci, via Coroneo, Foro Ulpiano, via Fabio Severo, via XXIV Maggio e piazza Oberdan.
Presenti esponenti di destra e antagonisti di sinistra, membri della Federazione TLT e alcuni dei partecipanti alla corsa a palazzo Cheba.

La frustrazione è tanta, davanti la sede Rai la tensione sale. Gli agenti di polizia, numerosi e in tenuta antisommossa sotto l’edificio, hanno tolto i caschi per calmare gli animi. “Avete ucciso mio marito” urla sconvolta una donna, “scendete, scendete – invita i giornalisti – Uno a uno”. L’adesione dei portuali ha fatto la differenza a questa manifestazione, che ha contato più partecipanti rispetto alla scorsa, secondo quanto riferito dalla Questura diecimila persone contro le sette o ottomila della scorsa settimanaCori, fumogeni, lanci di bottiglie: il Clpt ha puntato i piedi e dal sindacato hanno comunicato di aver intenzione di “aderire in massa allo sciopero dell’11. Fermeremo il porto. Il green pass è ingiusto: dov’era quando lavoravamo senza protezione e con la paura ad inizio pandemia?”. Presenti anche medici, avvocati, lavoratori autonomi e professionisti. Come hanno ripetuto più volte gli organizzatori “vaccinati e non vaccinati insieme, contro il green pass”. Uno slogan che però non tutti sembrano rispettare. Un uomo, che ha sostato in Corso Italia con il manifesto “Uniti contro il Covid, vacciniamoci tutti”, è stato verbalmente aggredito da diversi manifestanti. Per un pelo non si è arrivati alle mani. 

Questa volta non c’è stato il passaggio in via Mazzini e davanti alla sede del quotidiano locale, Il Piccolo. I manifestanti al termine del corteo si sono riversati in piazza Oberdan, per poi pian piano disperdersi lungo la via Carducci.

mb.r

Ultime notizie

Dello stesso autore