16.2 C
Gorizia
domenica, 14 Agosto 2022

Arriva nell’Isontino l’arte della cenere di Nathalie Vanheule

04.07.2022 – 10.55 – Nathalie Vanheule, soprannominata “l’artista della cenere”, sarà ospite d’eccezione al B#Side the River Festival che si svolgerà nei prossimi giorni tra Gradisca d’Isonzo, Sagrado e Fogliano Redipuglia.
Si tratta di un’artista multidisciplinare che attraverso installazioni e performance ad alto impatto emotivo esplora tematiche universali quali la vita e la morte, la vanità delle cose e la fragilità dell’esistenza umana. Originaria di Ypres, città belga incenerita dai bombardamenti della Prima guerra mondiale, Vanheule è conosciuta in tutto il mondo per l’uso altamente espressivo che ha fatto della cenere, così come per le sue opere nelle quali è fondamentale il coinvolgimento degli spettatori, che diventando parte attiva dell’esperienza sono trasportati in dimensioni sospese e surreali, dove le certezze che regolano la nostra quotidianità vengono temporaneamente sovvertite.
Nathalie Vanheule verrà quindi ospitata dal B#Side the River Festival, il cartellone promosso da IoDeposito che porta l’Arte Contemporanea a stretto contatto con il territorio e i cittadini.
“Sarà una performance partecipativa e relazionale – spiega la direttrice artistica Chiara Isadora Artico – un’esperienza nella quale i fruitori sono al tempo stesso interpreti.”
Al termine di questa prima tappa, Nathalie Vanheule sarà protagonista di una performance partecipativa, “All arms united”, in programma sabato 9 luglio dalle 9.30 alle 10.30 circa, di fronte alle mura del Castello di Gradisca d’Isonzo. L’artista coinvolgerà 30 persone – donne, ragazzi e bambini – per produrre impronte dei propri corpi su di un nastro trasportatore in cuoio nell’arco di circa 45 minuti. Le impronte del corpo fluiranno l’una sull’altra, in una catena di montaggio messa in moto per rafforzare l’indistruttibile connessione umana. I passanti potranno assistere all’atto artistico.

[a.f.]

Ultime notizie

Dello stesso autore