19.3 C
Gorizia
mercoledì, 28 Settembre 2022

Consiglio comunale Gorizia: due nuovi consiglieri delegati

10.08.2022 – 07:30 Risale ai giorni scorsi l’ultima novità in merito alla strutturazione dei compiti in seno al Consiglio comunale di Gorizia, eletto lo scorso 12 giugno: il Sindaco, Rodolfo Ziberna, ha conferito ad altri due componenti dell’Aula delle deleghe, facendo arrivare a quota cinque il numero dei consiglieri delegati. Si tratta di Roberto Sartori e Marilena Bernobich, consiglieri comunali eletti in quota Lega e surrogati nelle scorse sedute agli Assessori dimissionari del Carroccio, Luca Cagliari e Sarah Filisetti. Bernobich sarà preposta alle Pari Opportunità ed al Punto di Ascolto “Anti-mobbing”: non sono tematiche nuove per lei, già Assessore durante la prima consigliatura di Rodolfo Ziberna proprio in questo ambito materiale. Il conferimento della delega alla parità, come riportato sulle pagine de “Il Piccolo“, rappresenta anche una risposta politica alle critiche sollevate dalla minoranza nelle scorse settimane, rispetto alla carenza di una figura dedicata ad un tema di tale importanza quale quello delle pari opportunità. Sartori, invece, si occuperà dei rapporti con il Consiglio comunale, fungendo da figura di raccordo: la sua più che decennale esperienza politica, anche in qualità di Assessore e Vicesindaco, sarà messa al servizio dell’attività amministrativa e consiliare, di modo da migliorare il collegamento fra gli organi ed il lavoro dell’Aula. I neo-delegati si affiancano dunque ai consiglieri Alessio Zorzenon, delegato a Commercio e Mercati, Mauro Bordin e Giulio Daidone, preposti rispettivamente agli Impianti ed agli eventi sportivi, in assenza di un Assessore ad hoc per lo Sport. All’interno della compagine di un Consiglio comunale, ivi compreso quello di Gorizia, sono diversi i profili che distinguono la figura del consigliere titolare di delega da quella dell’Assessore comunale, fra i quali la carenza di poteri decisionali autonomi, la titolarità di una funzione solo propositiva e l’assenza di un’indennità ulteriore rispetto al gettone di presenza riconosciuto a tutti i consiglieri. [a.t.]

Ultime notizie

Dello stesso autore