6.5 C
Gorizia
giovedì, 8 Dicembre 2022

Gorizia, riaprono le scuole: 18 volontari all’opera assieme alla Polizia locale per scongiurare assembramenti

30.01.2021 – 11.04 – Diciotto volontari della Protezione civile e associazioni comunali e locali (gli alpini, i radioamatori e i carabinieri) ogni giorno, in strada, alle fermate e vicino alle scuole a Gorizia per facilitare, assieme agli agenti della Polizia locale e ai verificatori dell’azienda pubblica dei trasporti APT, il rientro nelle scuole degli studenti delle superiori e dei licei, evitando la formazione di assembramenti che potrebbero diventare focolai di diffusione del Covid-19. É questo l’obiettivo del sindaco di Gorizia, Rodolfo Ziberna, e dell’assessore Francesco Del Sordi, che daranno il via al servizio di controllo già da lunedì 1 febbraio, quando il Friuli Venezia Giulia sarà nuovamente in zona gialla consentendo, oltre alla riapertura delle scuole, maggior possibilità di movimento e quindi un inevitabile aumento del rischio di contagio. “Non posso che esprimere grande soddisfazione per la riapertura delle scuole superiori”, commenta il sindaco Ziberna, “e per l’attenzione e la sensibilità con cui la giunta regionale sta cercando di gestire una situazione davvero molto delicata e, come Comune, non possiamo che supportare in ogni modo questa ripartenza con l’attivazione di ulteriori servizi di controllo concertati con la stessa Regione e la Prefettura per limitare al massimo le possibilità di nuovi contagi”.

Ottenuto il via libera dalla Protezione civile regionale e in coordinamento con la prefettura, a Gorizia si lavora, quindi, per strutturare nel miglior modo il servizio già da lunedì. “I gruppi di volontari saranno operativi dalle 7.30 alle 8.30 e dalle 13.30 alle 14.30″, spiega l’assessore competente, Francesco Del Sordi, “e ogni turno sarà coperto da 10 operatori distribuiti a seconda delle necessità tra il polo intermodale (Piazzale della Stazione), le fermate dei bus e le aree davanti ai singoli istituti. L’obiettivo del presidio, come detto, sarà quello di invitare tutti i ragazzi a rispettare le disposizioni anti contagio, soprattutto il distanziamento sociale e l’obbligo di indossare la mascherina. Ovviamente tutto sarà effettuato con modalità molto informali, dialogando con i ragazzi e invitandoli e rispettare le norme proprio nel loro interesse”. Ruolo importante quello svolto dalla Polizia locale: “Certamente ci sarà un coordinamento fra più soggetti”, riferisce il comandante, Marco Muzzatti, “per effettuare un monitoraggio molto attento del comportamento degli studenti. Ci tengo a precisare che non ci sarà assolutamente nessuna contravvenzione ma, anzi, si cercherà di informare e responsabilizzare. Il presidio sarà sperimentale per 15 giorni e poi si verificherà l’eventuale prosecuzione”. I volontari impegnati saranno sei al mattino, e dodici nel primo pomeriggio, in cui ci sono più siti da seguire. Il Comune di Gorizia ha inviato comunicazione ai dirigenti scolastici nella quale segnala la possibilità di avvisare relativamente a criticità che potrebbero verificarsi presso i loro plessi, e l’assessore Del Sordi, lunedì mattina, sarà presente presso il polo intermodale della Stazione per verificare la situazione di persona. “Un sentito enorme ringraziamento da genitore ed amministratore alle associazioni che interverranno, a tutti i loro volontari ed al coordinatore della squadra comunale di Gorizia Marconato per l’attività organizzativa. Ringrazio anche APT, nella persona della presidente Caterina Belletti e del direttore Bassanese per il supporto tecnico logistico”.

[f.f.]

Ultime notizie

Dello stesso autore