8.7 C
Gorizia
martedì, 29 Novembre 2022

Tagliamento, Piccin: “Con Riserva biosfera quali vincoli per attività ludico-sportive?”

02.02.2021 – 10.00 – “Il Tagliamento è un bene prezioso che va preservato, ma la qualifica Unesco di Riserva della biosfera quali vincoli comporterebbe per le molteplici attività ludico-sportive che si svolgono negli ambiti del fiume? Un aspetto che va chiarito, perché stando al quadro statutario della Rete mondiale delle Riserve della biosfera potrebbero esserci limiti sull’organizzazione di queste attività, con ripercussioni sulla fruizione del Tagliamento e sulle ricadute turistiche di alcune iniziative”.
Lo afferma, in una nota, la consigliera regionale Mara Piccin (Forza Italia), che ha presentato un’interrogazione urgente rivolta all’assessore regionale all’ambiente, Fabio Scoccimarro.
Quest’ultimo “sta lavorando assieme con enti locali e stakeholder sulla candidatura del Tagliamento a Riserva della biosfera Unesco – ricorda la forzista -. Un aspetto sinora poco considerato e sviscerato è quello delle conseguenze della suddivisione in tre zone di un territorio qualificato Riserva della biosfera, ai sensi dell’articolo 4 del quadro statutario. Limitrofe all’area centrale (con territori protetti ex lege) si trovano le zone tampone, dove sono permesse solo attività compatibili con gli obiettivi di conservazione”.
“Verso l’esterno – prosegue la consigliera – sono inquadrate le zone di transizione, dove sono incoraggiate e sviluppate le pratiche di utilizzazione sostenibile delle risorse: è la parte della riserva in cui sono permesse tutte le attività che consentano lo sviluppo economico e umano, socio-culturalmente ed ecologicamente sostenibile”.
“Il Tagliamento va preservato per la sua biodiversità e la rilevanza che assume nella captazione e derivazione delle acque – osserva Piccin –, ma anche per il ruolo chiave che riveste, per la nostra regione, nel settore turistico, anche attraverso l’organizzazione, nel suo ambito, di manifestazioni e attività ludico-sportive che influiscono positivamente sull’attrattività turistica della regione. I limiti posti dalla zonazione alle attività consentite nelle Riserve potrebbero avere delle conseguenze: è necessario da subito comprendere quali siano gli eventuali vincoli o limiti che verrebbero posti dall’Unesco alle manifestazioni ludico-sportive attualmente organizzate sul Tagliamento”.
[c.c]

Ultime notizie

Dello stesso autore