16.7 C
Gorizia
venerdì, 7 Ottobre 2022

Le truffe online più comuni: ecco come difendersi

04.02.2021 – 11.45 – Sappiamo bene tutti che il mondo di internet nasconde tanto opportunità quanto insidie. Complice l’arrivo della pandemia, sempre più gente ha dovuto spostare il fulcro delle proprie attività online. E ovviamente, i malfattori del web ne hanno subito approfittato. Per fare un esempio, solo durante il primo mese della pandemia nel 2020 si è visto un aumento del 667 per cento degli attacchi phishing. Ma quali sono state le truffe online più comuni nel 2020? Vediamo di scoprirle insieme, anche per capire come evitarle e difendersi, visto che probabilmente queste truffe continueranno a imperversare anche nel 2021.

Phishing, il re delle truffe. L’obiettivo è sempre lo stesso: rubare informazioni personali, specialmente i dati di accesso ad account di e-commerce, conti correnti o app di pagamento online. Il Phishing ormai è entrato a far parte della nostra vita: quante volte ricevete email a dir poco sospette, che magari vi chiedono di cliccare su qualche link nell’email o (peggio ancora) scaricare qualche documento sul PC? La stragrande maggioranza delle truffe legate al phishing (per la precisione ben il 96 per cento) avviene via email. Migliaia e migliaia email di phishing vengono spedite ogni giorno e sfortunatamente ancora troppe persone vengono raggirate da queste truffe. Esistono centinaia di tipi di phishing differenti e non tutte queste email malevole vengono bloccate dai filtri antispam delle caselle email. Eppure, basta una sola regola d’oro per evitare queste truffe. Controllate il mittente dell’email: lo conoscete? Se non lo avete tra i contatti, mai cliccare sui link presenti all’interno dell’email sospetta così come mai scaricare nessun documento allegato.

Antivirus gratuiti online. Probabilmente vi sarete già imbattuti anche in questa tipologia di truffa online, a meno che non usiate un AdBlocker per navigare online (ovvero un software che blocca le pubblicità aggressive). Navigando in rete, può capitare che si aprano delle pagine senza che voi facciate nulla. Oppure che spuntino fuori delle notifiche sul vostro schermo (a volte anche con dei suoni fastidiosi). In tutti questi casi, spesso si tratta di un avviso di pericolo: il vostro computer è misteriosamente infettato da chissà quanti virus e per risolvere il problema, dovete scaricare un antivirus (o altro programma) sul vostro computer. Ovviamente si tratta di pubblicità ingannevole (ed invasiva): non fidatevi mai di queste pagine o notifiche che compaiono su schermo. Il vostro computer non ha nessun virus al momento, ma se cliccherete sui link presenti in queste pagine o notifiche, sicuramente finirete con scaricarvi qualche malware sul vostro dispositivo. Nella peggiore delle ipotesi, rischiate anche di scaricare un ransomware che finirà con il bloccare tutto il vostro hard disk (causandovi la perdita dei dati, a meno che non accettiate di pagare un riscatto).

Siti internet finti o e-commerce compromessi. Navigare in sicurezza su Internet richiede molto buonsenso, così come un antivirus sempre aggiornato installato sul vostro computer. Inoltre, può essere un’ottima idea usare una rete VPN per Internet: si tratta di una rete privata virtuale (Virtual Private Network), un servizio che permette navigare protetti e in anonimato grazie alla crittografia a 256 bit. Anche perché la sicurezza non è mai troppa: specialmente quando si tratta di fare acquisti online, spesso su Internet si può incappare in siti di e-commerce che in realtà sono delle vere e proprie truffe online. Specialmente quando trovate prodotti a prezzi eccessivamente scontati, su siti magari poco conosciuti, il rischio di fregatura è dietro l’angolo. Vi consigliamo quindi sempre di cercare recensioni online per l’e-commerce dove vorreste fare acquisti (potete cercare sui Social, su Google, ma anche su TrustPilot, che sarebbe un sito specializzato nelle recensioni online). Quando poi comprate online, assicuratevi che ci sia la connessione HTTPS (il lucchetto verde nella barra degli indirizzi) nella pagina dove andrete ad inserire i dati della vostra carta prepagata. Abbiamo specificato carta prepagata perché dovreste sempre usare una carta di questo tipo per gli acquisti online (e mai le carte di credito!). Meglio ancora se potete utilizzare una carta prepagata virtuale (chiamate anche “usa e getta”): si tratta di carte che vengono attivate per una sola transazione e poi eliminate.

Soldi facili con un click. Il sogno del guadagno rapido e facile è sempre duro a morire. Su Internet abbondano le truffe che promettono di farvi cambiare vita da un giorno all’altro, permettendovi di guadagnare cifre folli in tempi brevissimi. Vi viene detto che chiunque può guadagnare cifre importanti, basta semplicemente scaricare un qualche programma, acquistare un certo e-book, oppure iscriversi presso qualche fantomatica piattaforma di trading online.

Le truffe degli investimenti online sono le più comuni. Nella maggior parte dei casi venite contattati via telefono da un call center qualsiasi, dove vi viene chiesto se “conoscete il trading online” oppure se “volete avere dei guadagni extra” ogni mese. Oppure qualche banner pubblicitario vi promette guadagni miracolosi se solo investite qualche centinaio di euro in un determinato titolo azionario (spesso vengono citate le azioni di Amazon o quelle della Juventus). In altri casi invece, vi arrivano email che vi comunicano la vostra incredibile vincita a una lotteria (di solito il premio è uno smartphone oppure un viaggio in crociera). In tutti questi casi, potete smontare queste truffe chiedendovi semplicemente: come fanno queste persone ad avere il mio numero di telefono o email? La risposta è che li avranno ottenuti in qualche modo poco legale e di conseguenza, anche ciò che vi propongo di sicuro non è niente di buono.

Servizio clienti truffaldino. Un altro grande classico delle truffe online. Di punto in bianco, ricevete un’email dal servizio clienti della vostra banca, dalle poste, dal sito dell’INPS oppure da qualche grosso negozio di e-commerce, tipo Amazon. Ma anche da un provider internet, come Fastweb, Vodafone Tim oppure da un servizio di energia elettrica tipo l’Enel. Cambia la società, ma la truffa rimane la stessa. Queste email, che possono essere più o meno credibili, sono sempre inviate da malfattori che impersonano queste società. Cercano di creare un senso di urgenza, affermando magari che il vostro conto corrente è stato bloccato oppure che ci sono transazioni segnalate come sospette sulla vostra Postepay. Spesso possono dirvi che il vostro account online per quel determinato servizio è stato compromesso e dovete quindi cambiare le vostre credenziali di accesso. In altri casi, vi viene chiesto di controllare un documento allegato per confermare un acquisto che avete appena effettuato. Vi lasciamo immaginare cosa può accadere se malauguratamente decideste di credere in ciò che c’è scritto, cliccando su qualche link, inviando dati personali o scaricando dei documenti allegati. Come evitare queste truffe online via email? Semplice: nessuno servizio vi contatterà mai chiedendo di condividere dati personali o reimpostare le vostre password (questa è una procedura che potete infatti attivare volontariamente solo voi, non vi viene mai proposta in automatico). E se magari avete davvero il dubbio sulla veridicità di una di queste email, contattate semplicemente il servizio clienti del servizio in questione per chiedere se realmente vi hanno spedito questa email sospetta.

[network]

Ultime notizie

Dello stesso autore