8 C
Gorizia
martedì, 6 Dicembre 2022

Ronchi dei Legionari, riorganizzazione del SUAP e bilancio 2020

18.02.20-07.30-Da gennaio 2020 l’attività del SUAP (Sportello Unico Attività Produttive) del Comune di Ronchi dei Legionari –dopo l’uscita del Comune dall’UTI del Carso Isonzo Adriatico- è esclusivamente quella di competenza del Comune, e viene svolta utilizzando il portale SUAP dedicato. Il SUAP è l’unico soggetto pubblico di riferimento per tutti i procedimenti che abbiano come soggetto l’esercizio di attività produttive e di prestazione di servizi. Al suo interno ci sono stati cambiamenti del personale operativo.

Più precisamente, le attività hanno riguardato:
– la gestione dei procedimenti di competenza relativi all’esercizio delle attività produttive e
commerciali;
– il riordino e la risistemazione della documentazione relativa alla precedente gestione
dell’Ufficio Commercio e il proseguimento della digitalizzazione dei procedimenti correnti.
– la predisposizione di alcuni regolamenti come per esempio per il funzionamento della
vendita del vino ricavato dai fondi propri, più comunemente dette “private” oppure il
diagramma di flusso della protocollazione delle pratiche SUAP tramite GIFRA ancora in
fase di approvazione.

E’ stata inoltre assicurata la presenza sistematica di una persona del SUAP nel mercato settimanale per verificare l’osservanza dei regolamenti comunali e soprattutto della normativa nazionale e regionale per la prevenzione della diffusione del Covid-19 redigendo il piano di sicurezza.

Tra le più significative tra le gestioni di attività, quella relativa alle condizioni necessarie per l’apertura di una farmacia nel territorio comunale, in particolare nel Centro Commerciale Ramonda ora Nordest Mall; alla relazione che illustra nel dettaglio il progetto per l’installazione di colonnine per la ricarica delle vetture elettriche nell’area dell’aeroporto; o ancora quella in tema di contrasto e prevenzione della ludopatia riguardante l’installazione di giochi leciti nei Pubblici Esercizi.

Per quanto riguarda la riorganizzazione, sono stati realizzati dei data-base per ciascun settore e poi predisposti i numerosi faldoni e la documentazione relativa alla precedente gestione dell’Ufficio Commercio e in parte del SUAP-UTI. E’ stata inoltre modificata la protocollazione delle pratiche SUAP.

Succcessivamente, l’analisi settoriale delle attività produttive e di servizi nel territorio del Comune di Ronchi dei Legionari ha evidenziato i seguenti dati: le attuali attività commerciali presentisono 92, i pubblici esercizi sono 45, gli operatori di mercato 36, gli acconciatori ed estetisti sono 25, le strutture ricettive sono 12, gli agriturismi 3, le licenze taxi sono rimaste 8 a cui si aggiungono 4 noleggi conducente.
Vi sono inoltre alcune attività come quelle di vendita di vino ricavato dai fondi propri (“private”) che sono rispettivamente 15. Infine vi sono degli altri insediamenti produttivi e di servizi definiti residuali che incidono in bassa percentuale, circa il 2%.
Nell’anno 2020 per quanto riguarda il commercio si è potuto osservare ventidue aperture di attività a fronte di diciotto cessazioni e vi sono stati otto subingressi, mantenendo sostanzialmente un saldo leggermente superiore rispetto all’anno precedente

Con riferimento al commercio nelle aree pubbliche, è stata ricostruita una graduatoria in base all’anzianità degli operatori di mercato presenti nel Comune e attivato un bando di miglioria per rivalutare il commercio su aree pubbliche e per l’assegnazione di posteggi in sede fissa, predisponendo un modulo per la compilazione della domanda pubblicato sul sito on line del Comune, al fine di soddisfare per quanto possibile le esigenze degli operatori di mercato.

Il S.U.A.P. si occupa inoltre del coordinamento e realizzazione di eventi e manifestazioni in collaborazione con la Pro Loco locale, anche se durante il 2020 l’attività è stata ridotta per causa delle restrizioni anti pandemia. Si ricorda a tal proposito l’impegno profuso di una persona part-time dell’Ufficio SUAP per l’apertura di ben sette centri estivi nel rispetto della normativa e delle linee guida regionali.

m.p.

Ultime notizie

Dello stesso autore