6.5 C
Gorizia
giovedì, 8 Dicembre 2022

Vaccino, Fedriga: “Si rischia di rallentare campagna per mancanza adesioni”

07.05.2021 – 11.03 – Una maggiore adesione da parte di coloro che rientrano nei target definiti dalla campagna vaccinale ma che non vi hanno ancora aderito: questo l’appello rivolto dal presidente Massimiliano Fedriga, nel corso del suo intervento stamane su SkyTG24. Di vaccini “oggettivamente ne stanno arrivando di più; adesso ci manca un tassello importante che è quello delle adesioni, dove in alcuni casi non sono sufficienti a coprire la disponibilità di vaccino” ha spiegato. “Aprire il target (con le prenotazioni aperte agli over 50 a partire da lunedì 10 maggio) è estremamente importante perché altrimenti si rischia di rallentare la campagna non perché mancano i vaccini, non perché manca l’organizzazione, ma perché manca chi vaccinare”. In Friuli Venezia Giulia “abbiamo soprattutto fasce d’età – 60/70 – che oggettivamente sono sotto le aspettative e superano di poco il 60 per cento di adesioni”.

Vaccino che, a chi vi avrà via via accesso, permetterà l’ottenimento del cosiddetto “certificato verde” (ottenibile anche se guariti dal Covid o – ma in questo caso solo per 48 ore – tramite tampone negativo) e quindi una maggiore libertà negli spostamenti. Certificazione sulla quale, tuttavia, sono stati sollevati alcuni dubbi dallo stesso Garante della Privacy: “su questo” ha spiegato il presidente “è arrivata ieri una nota dal ministero della Salute che va a risolvere anche quelle criticità sollevate dal Garante della Privacy, sottolineando per esempio che chi può verificare la sussistenza di uno di quei tre fattori può essere solo un’autorità come le Forze di polizia e quindi non chiunque”. “Dopodiché”, ha aggiunto, “finché non diventa la misura strutturale” con tutti gli strumenti previsti e necessari alla sua attuazione “è normale che ci si muova in modo differenziato perché non c’è uno strumento unico”.

Su quale potrebbe essere infine lo scenario previsto per quest’estate, e se sarà o meno un’estate “Covid free” – Fedriga ha ribadito come “certezze su questa Pandemia nessuno può averle: l’obiettivo è quello di riuscire ad arrivare ad una situazione nella quale i contagi non ci siano più o siano talmente bassi da poter tornare ad una vita il più normale possibile, con le dovute cautele” e, al contempo, con “la consapevolezza che certe attività non possono stare chiuse a prescindere perché rischiamo di desertificare alcuni settori produttivi del nostro paese”.

n.p

Ultime notizie

Dello stesso autore