Qualificazioni Mondiali 2022. La Nazionale Italiana di Calcio potrebbe tornare al “Rocco”

08.06.2021 – 11.00 – La Nazionale Italiana di Calcio, nei prossimi mesi, dopo aver disputato il campionato europeo di UEFA Euro 2020, potrebbe fare il suo ritorno nel capoluogo giuliano. A darne l’annuncio, il Presidente della Federazione Italiana Giuoco Calcio Gabriele Gravina il quale, nel weekend appena trascorso, è stato ricevuto dalle più importanti cariche politiche e sportive del nostro territorio quali il Sindaco di Trieste Roberto Dipiazza, il Governatore di Regione Massimiliano Fedriga e il patron di FIGC FVG, Ermes Canciani. L’occasione buona per riportare l’undici azzurro sul manto erboso dello Stadio Nereo Rocco potrebbe essere una delle quattro partite che la Nazionale giocherà in casa per le qualificazioni al campionato mondiale “FIFA World Cup Qatar 2022”.

Gli azzurri mancano dal Rocco da vent’anni, più precisamente dal 22 Agosto 2002, quando disputarono un caldo match “amichevole” contro la Slovenia, trasformatosi sin dai primi minuti in un incontro nervoso, il quale vide coinvolti numerosi tifosi sloveni in incresciosi atti intimidatori nei confronti della tifoseria di casa con fischi, lanci di razzi sul terreno di gioco e danneggimenti alle infrastrutture del “Rocco”.

Dopo il completamento dei lavori di ristrutturazione del suddetto Stadio, l’impianto, nel 2019, ha ospitato gli Europei di Calcio Under 21.

Nella due giorni di Gravina in Friuli Venezia Giulia, trascorsi con i dirigenti della Lega Dilettanti FVG e delle maggiori società sportive locali, si è parlato di ristori ma anche di rendere più sostenibile il cosiddetto “modello calcio” a cominciare dalle basi. L’obiettivo è quello di ripartire senza rischi di nuove ed ulteriori interruzioni per la ventura stagione; anche, e soprattutto, con l’ausilio dei vaccini.

Tra i tanti argomenti trattati, il Presidente della Federcalcio Gravina ha parlato di riforma dei campionati la quale verrà avviata a partire dalla stagione 2022/2023, ed interesserà inizialmente la Serie C (Lega Pro), con la nascita di una sorta di categoria d’elite e una riduzione del ricambio tra diverse categorie con meno promozioni e retrocessioni per anno.

Il commento del Governatore FVG, Massimiliano Fedriga:

“Lo sport è fondamentale per la crescita dei giovani, soprattutto sul piano dei valori, perché insegna l’importanza del sacrificio e il saper accettare le sconfitte. Per questo il nostro impegno come Amministrazione, ancora di più dopo il Covid, è fortemente direzionato nel cercare di sostenere la pratica sportiva attraverso un lavoro costante sull’impiantistica e la collaborazione con le società e le federazioni“. Queste le parole del Governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, a margine dell’incontro con il Presidente FIGC Gabriele Gravina.