32.6 C
Gorizia
martedì, 5 Luglio 2022

“Caso Lipizer”: Ziberna convoca il direttivo dell’associazione

25.06.2022 – 08.15 – A seguito dell’esclusione di Lidia Kocharian e delle sue colleghe violiniste dal Concorso internazionale “Premio Rodolfo Lipizer”, il sindaco del capoluogo isontino, Rodolfo Ziberna, assieme al prefetto Raffaele Ricciardi, incontreranno il Consiglio Direttivo dell’associazione Rodolfo Lipizer. Un incontro previsto in tarda mattinata a porte chiuse.
“Ho provato grande soddisfazione al Salone del libro di Torino dove GO!2025 è stata protagonista grazie alla Regione FVG che ha organizzato un evento in cui si è parlato a un ampio pubblico internazionale del nostro bellissimo territorio, rispondendo alle domande dell’intervistatore. – premette Ziberna – Ma non poteva mancare la domanda sulla vicenda dell’esclusione delle violiniste russe dal concorso Lipizer”.

Nonostante la volontà dell’Amministrazione Comunale di invitare autonomamente le tre artiste sia stato molto apprezzato, il primo cittadino è sempre più convinto che l’associazione debba “tornare indietro perché così facendo rischia non solo di gettate una macchia permanente sul concorso ma di minarne la stessa prosecuzione”. Non solo le violiniste si esibiranno in città durante il corso dell’estate ma dovranno essere anche reintegrate all’interno del Concorso in quanto “il messaggio che partirà da Gorizia non può che essere chiaro e forte: nei paesi democratici come il nostro deve esserci un palese riconoscimento del fatto che i civili, di cui fanno parte anche gli artisti, non devono pagare per la follia di guerre volute da chi li governa”. Un messaggio che dovrebbe superare i confini, nazionali e internazionali: “un paese democratico non può attuare discriminazioni che minano alla base i diritti civili”.

Come riporta il quotidiano locale Il Piccolo, Ziberna non demorde. Sostiene che “non sia sufficiente l’invito del Comune alle violiniste russe ad esibirsi in estate a Gorizia, ma che sia ‘quanto mai opportuno’ il loro reintegro al concorso internazionale”. E, per questo, ha invitato ad un incontro non solo il presidente del sodalizio Lorenzo Qualli, ma tutti i componenti del direttivo che, pur se a maggioranza, aveva votato a favore dell’esclusione delle artiste russe.

“Mi auguro davvero che i componenti del consiglio partecipino tutti – sottolinea il primo cittadino – perché dobbiamo cercare di trovare, insieme, un percorso che ci porti al reinserimento delle violiniste russe nel concorso. Non intendo esercitare nessun tipo di coercizione, ma sia io, sia il prefetto, intendiamo manifestare il sentimento unanime della città che è assolutamente contraria a questa decisione: non tenerne conto significherebbe ‘uccidere’ il concorso Lipizer perché il rischio è che, davvero, ci sia un boicottaggio in termini di presenze e un allontanamento pesante da parte dei goriziani e degli stessi enti, come il Comune, che patrocinano e finanziano l’evento”.

Il sindaco va oltre. “Confesso che sto ricevendo valanghe di messaggi da tutta l’Italia in cui si esprime l’appoggio in questa battaglia che ho intrapreso contro la decisione dell’associazione. Ma ci sono anche manifestazioni di sincero dispiacere per la palese discriminazione che è stata fatta. Rinnovo, quindi, un appello di cuore al direttivo affinché tutti i componenti partecipino a quest’incontro, e aprano un confronto con il sottoscritto e con il prefetto. Insieme possiamo uscirne bene”.

[a.b]

Ultime notizie

Dello stesso autore