8.7 C
Gorizia
martedì, 29 Novembre 2022

Covid-19, immigrazione, Cara di Gradisca dichiarato ”Zona Rossa”

16.11.2020 – 15:00 – In seguito alle segnalazioni effettuate dal consigliere regionale del carroccio, Diego Bernardis, circa i numerosi casi di Covid fra gli immigrati ospitati nel Cara di Gradisca d’Isonzo, la Prefettura di Gorizia ha deciso di limitare le uscite dei migranti ospiti all’interno del centro di accoglienza isontino, con il fine di contenere il rischio di contagio da Coronavirus. Per tanto, i sedicenti richiedenti asilo potranno uscire dalle mura della struttura solo ed esclusivamente per effettuare visite ospedaliere o sottoporsi a controlli medici. La notizia è dell’ultima ora e la riporta il quotidiano regionale ‘’Il Friuli’’.

‘’Si tratta di una scelta responsabile, di buonsenso e che conferma la necessità di non affrontare la tematica dell’immigrazione in maniera ideologica come fa la sinistra, ma avendo sempre a mente che si parla anche di tutela della salute pubblica e, per di più, la scelta di limitare le uscite permetterà di garantire anche la salvaguardia e la salute degli ospiti stessi” – ha dichiarato con soddisfazione Bernardis in una nota stampa.

‘’In particolare – ha continuato il consigliere – nonostante qualche esponente dell’opposizione mi abbia accusato di strumentalizzare la vicenda, la verità è che le mie sollecitazioni sono state confermate e risultate veritiere. Reputo pertanto gravissimo l’atteggiamento di chi si ostina a difendere i richiedenti asilo solo per partito preso”.

“Secondo la sinistra soltanto i nostri concittadini dovrebbero rispettare le norme di contenimento del virus, mentre agli immigrati clandestini tutto dovrebbe venir concesso, anche di poter girovagare liberamente sul territorio nonostante risultino positivi al Covid. Data la vergognosa gestione del fenomeno, in qualsiasi altro Paese europeo, il titolare del dicastero del Viminale avrebbe già ammesso le colpe del proprio fallimento e, probabilmente, avrebbe presentato le proprie dimissioni – conclude la nota del consigliere.

Ultime notizie

Dello stesso autore