26.1 C
Gorizia
giovedì, 11 Agosto 2022

Unesco, Bernardis e Felcaro: “accelerare su candidatura Brda/Collio”

05.01.2021 – 10.07 – “La candidatura Brda/Collio/Cuei a patrimonio mondiale Unesco condivide i medesimi valori di collaborazione fra popoli di Stati differenti, un tempo divisi dalle vicissitudini storiche ma che oggi invece traguardano ambiziosi progetti di integrazione europea, a cui il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha fatto riferimento citando la nomina congiunta di Gorizia e Nova Gorica a Capitale europea della Cultura 2025. Pertanto, ci aspettiamo una forte collaborazione e una decisa accelerazione da parte di tutte le istituzioni in campo per poter raggiungere questo importantissimo risultato”. Lo dichiarano in una nota congiunta il consigliere regionale, Diego Bernardis, e il sindaco di Cormons, Roberto Felcaro, a proposito del percorso avviato per la candidatura a patrimonio mondiale Unesco del Collio italiano e sloveno.

In particolare, Diego Bernardis e Roberto Felcaro aggiungono: “Dopo lo storico risultato ottenuto per Gorizia, nominata capitale europea della cultura, e le importanti risorse destinate dalla Regione a Monfalcone per il rilancio del Carso e del litorale adriatico, è il momento che tutti gli attori protagonisti, fra cui Comune di Gorizia, la Regione, la Cciaa e le istituzioni, in modo coeso e determinato, diano la spinta finale, sia in termini di risorse economiche che di programmazione e partecipazione, al progetto di valorizzazione dell’areale transfrontaliero del Collio/Brda/Cuei”.

“Il progetto di candidatura Unesco è un ulteriore tassello per completare l’opera di rilancio del territorio goriziano nel suo complesso e dare dignità e occasioni a tutte le realtà e le identità che lo compongono. Per questo va coinvolto l’intero areale della destra Isonzo e del Collio, ricchissimo di potenzialità turistiche, culturali, enogastronomiche e identitarie. Anche per questo risulta necessario investire e realizzare un punto di coordinamento e di proposta turistica come un ufficio Iat nella cittadina collinare. Fra l’altro – continuano Diego Bernardis e Roberto Felcaro – lo spirito della progettualità che è stato rimarcato dal presidente delle Repubblica è nato proprio con il progetto di candidatura del Collio Unesco, dunque ciò significa che siamo sulla strada giusta e chiediamo a tutte le istituzioni di continuare ad aiutarci per concretizzare anche questo tipo di progettualità”.

“Siamo consapevoli che il presidente Massimiliano Fedriga e l’assessore regionale alla Cultura, Tiziana Gibelli, così come l’assessore al Turismo Sergio Bini, sono fortemente convinti delle potenzialità del territorio goriziano e siamo sin d’ora a ringraziarli per l’impegno che hanno profuso e, siamo certi, continueranno a mettere per completare un’opera meritoria e imprescindibile come quella di conferire il giusto valore a queste terre e a queste comunità” conclude la nota del consigliere regionale Diego Bernardis e del sindaco di Cormons, Roberto Felcaro.

c.s

Ultime notizie

Dello stesso autore