Scuola/Lavoro, VI Comm: Rosolen fa il punto su 10 ordini del giorno

26.02.2021 – 09.16 – Una risposta puntuale ai dieci ordini del giorno sui temi dell’istruzione e del lavoro che erano stati approvati a fine novembre in Consiglio regionale. L’audizione dell’assessore Alessia Rosolen – nel corso della VI Commissione presieduta da Giuseppe Sibau (Progetto Fvg) – è stata esplicitamente apprezzata dai consiglieri che avevano chiesto alla Giunta un impegno su alcuni temi specifici. “Per la prima volta – ha osservato in particolare Furio Honsell di Open Fvg – riceviamo informazioni precise sugli ordini del giorno, in questo modo si inaugura un metodo di lavoro proficuo”. Venendo ai contenuti, Rosolen ha risposto alla consigliera Chiara Da Giau e al gruppo del Pd che invocavano procedure più chiare e uniformi, specie in merito alle prescrizioni di sicurezza, nello svolgimento dei Percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento, un tempo chiamati “alternanza scuola-lavoro“. L’assessore ha ricordato che sono state già sottoscritte numerose convenzioni e che si intende presto presentare “una offerta sistematica di tutti i percorsi”.

Lo stesso gruppo del Pd aveva chiesto la possibilità di rendere triennale l’erogazione e la rendicontazione dei contributi agli istituti scolastici, per snellire il carico amministrativo delle scuole. “Con la legge 24 del 2020 tutti gli interventi per l’arricchimento dell’offerta formativa diventano triennali”, ha detto l’assessore, che ha ricordato come le procedure per la rendicontazione siano già semplificate.

A Honsell che chiedeva di promuovere la formazione professionale anche per rispondere all’emergenza socio-economica causata dal Covid, Rosolen ha ricordato che l’offerta di formazione tecnico-professionale è già stata consolidata e ampliata, fornendo anche strumenti per la didattica a distanza agli enti di formazione. Sempre a proposito di dispositivi necessari alla didattica a distanza, da concedere in questo caso in comodato gratuito alle famiglie che ne avessero bisogno, Rosolen ha spiegato al consigliere di Open Fvg che la Regione è già impegnata in tal senso e che l’Ufficio scolastico regionale svolge monitoraggi periodici in merito a queste esigenze. L’assessore condivide anche un altro spunto che proviene da Honsell, quello di favorire sistemi open source negli istituti scolastici: “E’ una delle tematiche che inseriremo nel prossimo programma regionale per la scuola digitale”.

Sempre in tema scolastico, Rosolen ha rassicurato i consiglieri Massimo Moretuzzo e Giampaolo Bidoli (Patto per l’autonomia) circa il loro ordine del giorno che chiedeva di promuovere incontri di educazione sessuale ed educazione alimentare nelle scuole, mentre per quanto riguarda il monitoraggio dei focolai Covid negli istituti, l’assessore ha ricordato il coordinamento continuo con la direzione Salute.

In tema di lavoro, Rosolen condivide l’appello di Moretuzzo e Bidoli per un giusto compenso di stagisti e apprendisti, ricordando l’impegno della Regione in tal senso, ma facendo presente anche che sui compensi valgono le disposizioni di legge nazionali. Ai consiglieri del Patto è arrivata una risposta anche sul tema delle garanzie, in termini di risorse umane e finanziarie, nel passaggio da Ardiss ad Ardis: “E’ già prevista una nuova posizione organizzativa”, ha fatto sapere l’assessore.

Condiviso, infine, l’appello di Honsell a valorizzare gli spin-off accademici, anche se Rosolen ha ricordato al consigliere che la regia della Next Generation Ue, cui faceva riferimento il consigliere, è in capo al Governo. La stessa finalità è peraltro prevista nel progetto Sistema Argo, “che si prevede di rifinanziare per il triennio 2021-23”.
(c.s.) d.g.