6.5 C
Gorizia
giovedì, 8 Dicembre 2022

Bonus Sociale Automatico: cosa cambia?

10.03.2021 – 11.14 – L’idea di automatizzare l’erogazione del Bonus Sociale, sembrava fosse destinata ad affondare. A gennaio, infatti, il garante della privacy aveva bloccato l’idea di ARERA di automatizzare l’erogazione del Bonus, in modo che tutti i consumatori aventi diritto, potessero godere dello sconto in fattura. Le problematiche di poter automatizzare la richiesta erano legate ovviamente ad una questione sulla gestione dei dati sensibili degli utenti. Tuttavia, alla fine c’è stata la svolta. Infatti, non sarà più necessario compilare i vecchi moduli, ma la procedura è molto più semplice. Vediamo i dettagli.
Fino all’anno scorso, per ottenere il Bonus bisognava fare una richiesta scritta (tramite il Comune di residenza o centri di assistenza fiscale – CAF), che veniva valutata e poi poteva essere accettata o respinta. Da quest’anno invece, il Bonus sarà automatizzato. Basterà infatti presentare la DSU (Dichiarazione Sostitutiva Unica) necessaria per ottenere la certificazione ISEE e se si rientra nei parametri prestabiliti, sarà l’INPS ad inviare automaticamente le informazioni al SII (Sistema Informativo Integrato), per l’applicazione del Bonus in Bolletta. La validità del bonus è sempre di 12 mesi, quindi sarà necessario presentare la DSU tutti gli anni.

Quali sono i parametri per accedere al bonus?

Le condizioni per ottenere il bonus sono:

  • Avere un ISEE non superiore a 8.265€
  • Avere un ISEE non superiore a 20.000€ se nel nucleo ci sono più di 3 figli a carico
  • Essere titolari di Reddito di Cittadinanza o Pensione di Cittadinanza

Non cambiano nemmeno gli importi, che sono:

  • 125 € per le famiglie con uno o due componenti,
  • 148 € per le famiglie di tre o quattro componenti,
  • 173 € per le famiglie con oltre quattro componenti.

Possono inoltre usufruire del bonus elettrico per disagio fisico tutti i clienti domestici affetti da grave malattia o che ospitano un soggetto affetto da tale malattia che rende necessario l’utilizzo di apparecchiature elettromedicali. In questo caso, lo sconto sarà varierà in base alla potenza del contatore e agli scaglioni di consumo annuo.

Per contratti fino a 3 kW:

  • 185 € per consumi fino a 600 kWh all’anno
  • 305 € per consumi tra 600 e 1200 kWh all’anno
  • 440 € per consumi oltre 1200 kWh all’anno

Per i contratti con potenza impegnata oltre 3 kW:

  • 433 € per consumi fino a 600 kWh all’anno
  • 548 € per consumi tra 600 e 1200 kWh all’anno
  • 663 € per consumi oltre 1200 kWh all’anno

Eccezione per Disagio Fisico

L’Automatizzazione non riguarda però le persone che si trovano in gravi condizioni di salute e che utilizzano apparecchiature elettromedicali salvavita. Loro dovranno quindi continuare a presentare la richiesta presso i Comuni o i Caf abilitati, compilando gli stessi moduli che hanno compilato fino ad oggi e che si possono trovare e scaricare sul sito di ARERA.

Manuel Flaugnacco –

Ultime notizie

Dello stesso autore