22.2 C
Gorizia
venerdì, 19 Agosto 2022

Il dramma dell’Alzheimer, al via un corso gratuito online per caregiver

06.04.2021 – 10.46 – Assistere una persona affetta da demenza e/o Alzheimer impone uno stress psico-fisico notevole, oltre a richiedere competenze che spesso il parente non può avere; così per fornire supporto e soprattutto aiuto Casaviola – la prima “casa” per caregiver in italia, nata su iniziativa della onlus triestina “Goffredo De Banfield” – ha inaugurato un corso gratuito per chi si prende cura di un parente e/o un paziente malato. Si tratta di un percorso formativo che, in obbedienza ai dettami Covid-19, si sposta su piattaforma digitale, la “Caregiver Academy“.
La scuola per caregiver (www.caregiveracademy.it) è articolata in 6 moduli tematici affidati a una docente universitaria, una psicologa, un’assistente sociale, un’infermiera e un avvocato. Ad accompagnare i partecipanti è una Tutor, di professione psicologa, per chiarimenti e supporto sull’utilizzo della piattaforma. I nuovi appuntamenti primaverili sono stati fissati dal 6 aprile al 21 giugno prossimi, e sono gratuiti e su prenotazione.

Con la piattaforma digitale, spiega Antonella Deponte, coordinatrice di Casaviola, “i caregiver di tutta Italia, possono usufruire delle lezioni, partecipare ai gruppi online, scaricare materiali utili e utilizzare i forum a loro dedicati. Da una ricerca che abbiamo svolto negli anni scorsi è emerso chiaramente quanto prendersi cura di persone con malattia di Alzheimer sia fonte di elevato stress e disagio psicologico, procuri ansia, depressione, deterioramento della salute e isolamento sociale”.

Secondo gli esperti della De Banfield, il profilo “tipo” del caregiver è donna, over 50, con uno stretto grado di parentela (figlia o moglie) della persona malata.
Nel corso dei sei moduli vengono fornite informazioni e consigli utili sulla comunicazione con persone con demenza, sul come affrontare i sintomi comportamentali, i bisogni assistenziali e la tutela giuridica. Per frequentare le lezioni bisogna scrivere una mail a [email protected]

[i.v.]

Ultime notizie

Dello stesso autore