3.9 C
Gorizia
martedì, 25 Gennaio 2022

Consegnati i Sigilli Terenziani e il Bobolar d’Oro a Staranzano

09.01.22-15.00-Questa mattina è avvenuta la consegna dei preziosi riconoscimenti del Bobolar d’Oro e dei Sigilli Terenziani a Staranzano. Consegnati dalla Pro Loco Staranzano (il primo) e dal Comune (i secondi), vengono assegnati a persone o realtà associative che si sono distinte per la loro opera nei confronti della comunità o nell’ambito nel campo sociale, culturale. artistico, sportivo o altro.

Il primo Sigillo Terentiano è stato consegnato Mario Carlo Biasol, con la seguente motivazione: ” Nato a Saciletto di Ruda nel 1945, si trasferisce a Staranzano nel 1958. Di spiccata sensibilità, da anni è impegnato nel mondo Associativo; in particolare, è da sempre socio del locale circolo ACLI, di cui il padre Carlo era stato tra i fondatori. Disponibile verso gli altri e profondamente legato alle proprie radici e alle tradizioni locali, è sempre molto presente nelle attività sociali, culturali e ricreative. Animato da una forte passione per l’arte nelle sue diverse forme, ha saputo far emergere la sua creatività in varie espressioni. La sua grande passione per il teatro lo ha portato più volte a recitare: prima con la Compagnia Amatoriale “I Dieci “di Staranzano, poi con la “Amis Furlans”
di Fiumicello e infine con la Compagnia Teatrale “Lucio Corbatto” di Staranzano.
Attivo anche al di fuori del nostro Comune, dal 1964 è socio del Circolo Ricreativo Sportivo Filodrammatico di Versa. Nel 1997, ha scritto le parole del testo della canzone la “Nostra
Staranzan”, con la supervisione di Silvio Domini e musica del M° Rodolfo Kubik che, di fatto, è diventato l’”inno” della nostra comunità. Nel 1999 ha pubblicato un libro di poesie dal titolo “Pantanari”, appellativo con cui venivano un tempo indicati gli Staranzanesi. Nel corso degli anni ha collaborato attivamente come volontario alla ristrutturazione delle “Stalle Rosse” e ad altre iniziative della Parrocchia. La sua vita intensa e attiva è un esempio concreto per tutti noi di come si possa lavorare per gli altri e realizzare allo stesso tempo le
proprie aspirazioni.”

Il secondo Sigillo Terentiano è stato consegnato alla signora Viviana Bonazza, con la seguente motivazione: “La comunità di Staranzano esprime ricchezza nell’Associazionismo organizzato, ma lo esprime anche in forme diverse, fatte da persone che semplicemente su
propria iniziativa si mettono a servizio della comunità. Classe 1957, oltre alla sua professione come segretaria ha coltivato la passione per lo sport: è stata giocatrice di pallavolo, di cui nel 1987 fondò l’Associazione Sportiva a Staranzano, divenendone poi allenatrice fino al 2009; dà un aiuto costante agli eventi sportivi organizzati dalla Società ASD Baseball Ducks di Staranzano. Inoltre, da molti anni opera nel sociale e dal 2015 è volontaria dell’AUSER, dove ricopre l’incarico di coordinatrice a Ronchi dei Legionari. Dotata di spiccata sensibilità per la natura e tutto ciò che la circonda, si pone al servizio dell’interesse primario del suo paese in modo discreto ma efficace. Appartiene a quel mondo del volontariato che si pone al servizio degli altri per sentirsi parte attiva nel migliorare i luoghi del suo paese e salvaguardare l’interesse comune. Grazie alle camminate storico-culturali, organizzate dalla locale Pro Loco, non le sfuggono gli angoli più reconditi di Staranzano, dei quali decide di prendersi cura; così, nel tempo libero, assieme ad altri volontari che coordina, si reca nei punti osservati in precedenza, dove necessita la rimozione degli abbandoni, soprattutto di materiale plastico e polistirolo armata di pinza telescopica e sacchi. Con il suo lodevole impegno, mettendosi a disposizione per la salvaguardia del proprio territorio, rimedia ad un comportamento deprecabile da parte di una minoranza di persone, dando un alto esempio di civiltà che merita ammirazione
e riconoscenza.”

Il 30° Bobolar d’Oro è stato invece assegnato al dott. Marco Fragiacomo, dirigente scolastico dell’ Istituto Tecnico Economico “Luigi Einaudi” e dell’Istituto Tecnico Tecnologico “Guglielmo Marconi” di Staranzano, con la seguente motivazione: “Per la Presenza Educativa di Eccellenza dell’offerta formativa al servizio della crescita umana e culturale dei nostri ragazzi. Il Riconoscimento attesta in particolare il grande impegno ed il coraggio della diffusione di programmi innovativi di qualità e aperti alle sfide della nostra società volti al futuro delle nuove generazioni e allo sviluppo culturale e tecnico del Territorio. -Nato a Monfalcone nel 1959, dopo il diploma di perito agrario si laurea in Scienze Naturali con 110/110 e Lode. Vincitore di concorsi pubblici per l’insegnamento nel 1984, inizia quindi l’attività di docente di Scienze naturali in varie scuole della Regione. Nel 2004 partecipa al concorso ordinario per Dirigente scolastico e dopo averlo superato inizia l’attività di Dirigente presso l’ISIT Einaudi – Marconi con annesso CTP-EDA. Assume nel contempo anche la reggenza di altri istituti superiori e con l’accorpamento degli istituti diventa Dirigente scolastico anche dell’Istituto Tecnico Agrario Brignoli di Gradisca, così le tre scuole diventeranno il BEM, Brignoli- Einaudi- Marconi. Grazie alle sue competenze e passioni per
l’entomologia e apicultura diventa Agricoltore ed Esperto apistico del Consorzio
obbligatorio degli apicoltori. Dirigente attento alle esigenze degli studenti, si è distinto nel corso degli anni incrementando l’offerta formativa degli istituti, attivando nuovi corsi che hanno la prerogativa di inserire lo studente nel mondo del lavoro. Presente e sensibile
anche agli sviluppi dell’economia globale, tanto da attivare l’Aula Confucio, un corso di cinese per studenti e docenti che prevede anche degli scambi molto utile non solo in prospettiva futura . Non solo, la scuola aderisce ai progetti Erasmus+ che consentono agli studenti di partecipare a corsi di specializzazione in paesi europei. Molto presente anche sull’importanza della salute psicofisica dei ragazzi, con il progetto Sport e Salute ha rimesso a nuovo gli impianti sportivi dell’Istituto Einaudi Marconi, rendendo cosi’ la scuola di Staranzano, un piccolo Campus per le attività sportive. Molto attivo anche nella collaborazione con l’Amministrazione comunale per quanto riguarda le attività di educazione civica, ulteriore tassello nella formazione scolastica degli studenti, da sempre ha collaborato con il Comitato 2 Giugno al cui fondatore, Egisto Snidero, è stato dedicato l’Auditorium dell’Istituto.”.

m.p.

 

Ultime notizie

Dello stesso autore