16.7 C
Gorizia
venerdì, 7 Ottobre 2022

Monfalcone, il Municipio della città trasformato in una galleria d’arte locale

08.09.2022 – 07.30 – Si tratta di un progetto fortemente voluto dall’Amministrazione Comunale volto alla promozione dell’identità e della cultura locale attraverso la valorizzazione del patrimonio storico e artistico della città, questa è stata l’idea che ha condotto il Comune di Monfalcone a condividere con l’intera collettività le opere, esposte all’interno del Palazzo Municipale, che narrano la sensibilità espressiva di alcuni artisti locali e il loro legame con la città.
Nella giornata di ieri, mercoledì 7 settembre, il Sindaco Anna Maria Cisint e l’Assessore alla Cultura Luca Fasan hanno incontrato gli artisti presso la Sala del Consiglio Comunale per esprimere loro un sentito ringraziamento per le donazioni fatte, perché con la loro arte permettono di conservare e tramandare, ma anche mettere a disposizione della cittadinanza, espressioni artistiche che altrimenti sarebbero fruibili solo da pubblico ristretto.
In quanto luogo simbolo del rapporto tra Amministrazione Comunale e cittadini, il Palazzo del Municipio è stato scelto come la sede più rappresentativa per ospitare e valorizzare le opere donate: il Municipio diventa così luogo dove potrà essere accolto, conservato e tramandato il patrimonio culturale di autori locali di importante storicità artistica.
Dalla Sala del Consiglio Comunale, in un’esposizione che percorre tutto il primo piano del Palazzo, le opere potranno essere ammirate dai cittadini che entreranno nella Casa comunale.
Tra le opere esposte spiccano sicuramente il dipinto “Restrected Freedom” di Raiquen Arduini, olio su tela dedicato alle condizioni di privazione della socialità nei bambini durante la pandemia, l’opera “Via Sant’Ambrogio” di Giovanni Marchese, donata dai figli Elisabetta, Luigina e Mile che ritrae la via Sant’Ambrogio ai primi del ‘900, e la composizione in legno naturale 3D intitolata “Stemma araldico della Città di Monfalcone” (2022) di Adriano Boscarol.
Altre opere di notevole fattura sono anche “Le catene del tempo” di Fulvio Dot (2014), lavoro volto a ricordare lo storico legame tra Monfalcone e la Repubblica di Venezia, e ancora la litografia intitolata “La nostra Rocca” (2022), rappresentante la fortezza monfalconese in diverse colorazioni.
Per chiudere questo breve excursus sull’esposizione è doveroso evidenziare opere di ispirazione “Neoiconica” come il “Reportage di un incontro” (2000) di Diego Valentinuzzi e l’olio su tela “Jeans” (2015) e l’olio su tavola “Nemesi” (2009) del celebre artista contemporaneo Aldo Bressanutti.
I quadri, selezionati con l’ausilio di una commissione di esperti, resteranno esposti al primo piano del Palazzo Municipale di Piazza della Repubblica, in un percorso che, partendo dalla valorizzazione della cultura in generale, volge un occhio di riguardo alla tradizione e alla storia del territorio, per raccontare la sensibilità espressiva di artisti locali che si sono particolarmente distinti in ambito nazionale e internazionale.

[a.f.]

Ultime notizie

Dello stesso autore