15.1 C
Gorizia
martedì, 4 Ottobre 2022

Danza e new media dialogano a In\Visible Cities con ‘Augmented Me’

09.09.2022 – 10.30 – Strade, piazze, giardini, cortili, teatri e sale istituzionali a Gradisca d’Isonzo ancora aperti per il pubblico alla scoperta dei linguaggi contemporanei: In\Visible Cities prosegue con un ricco programma di eventi anche per la giornata di domani, sabato 10 settembre.
A Gradisca d’Isonzo performance itineranti, spettacoli interattivi e di danza contemporanea scandiranno questa penultima giornata di attività del festival urbano multimediale organizzato dall’associazione Quarantasettazeroquattro grazie al sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia e del Comune di Gradisca, parte della rete Intersezioni.
Il 10 settembre gli appuntamenti cominceranno all’alba con Piazza della Solitudine_promenade (alle 6.30 e alle 18.45, con partenza da piazza Unità), una performance itinerante in cuffia, con cui il Collettivo Wundertruppe mette in relazione una condizione profondamente intima, come quella della solitudine, con lo spazio pubblico.

Evento di punta della serata (alle 20.30, al teatro comunale) sarà invece “Augmented Me”, performance di danza e videoproiezioni interattive di mopstudio, vincitrice del bando “Richiedo Asilo Artistico”. Una danzatrice immersa in un cilindro di tulle, un corpo su cui si innestano le immagini videoproiettate, la storia di una donna, un percorso di ritrovamento. Questo progetto nasce da una ricerca sul rapporto tra i nuovi media, la musica e la danza contemporanea. Ogni elemento nello spettacolo contribuisce alla costruzione non descrittiva della storia. Realizza un’esperienza. La coreografia ha creato un linguaggio astratto ma costruito sulla gestualità quotidiana. Sulla stessa linea il contenuto visivo non descrive, ma permette la visione dei movimenti interiori in uno scambio continuo di reciproche influenze con la gestualità della performer. La storia viene narrata in maniera astratta da una voce fuori campo come contributo all’integrazione tra gli elementi visivi e sonori con la danza.

Alle 10.30 e fino alle 20.10, nella sala consiliare andrà invece in scena uno spettacolo di realtà aumentata con l’utilizzo di visori per singolo spettatore (visione consigliata dai 14 anni in su). “Nel mezzo dell’Inferno” farà conoscere al pubblico un Dante inedito, protagonista di un viaggio nell’oltretomba nel quale comprende che è la relazione con gli altri e le altre a sostenerlo e condurlo sulla via della salvezza e della felicità.
Il sabato multimediale proseguirà alla sala Bergamas, alle 18, con “Tramă” progetto vincitore del Bando “Greening Arts” promosso dalla Rete Intersezioni e sviluppato in occasione dell’esperienza di residenza svolta all’azienda Filegusele. Si tratta di un live set audiovideo che richiama la sinestesia tra musica concreta e cinema espanso e prende forma in un telaio costituito dalla musica elettroacustica e dall’immagine digitale capace di ingrandire, moltiplicare, distorcere e dare nuove prospettive di visione. Registrazioni audio, campionamenti dei suoni delle macchine e degli strumenti e immagini macro di fibre e materiali utilizzati nell’arte tessile sono quindi trasformate in un tessuto audiovisuale avvolgente e sinestetico.

A chiudere la giornata di sabato 10 settembre saranno gli Arearea che al Parco del castello, alle 21.30, porterà in scena “Come un acrobata sull’acqua”, una produzione della Compagnia di danza e dell’associazione Quarantasettazeroquattro, entrambe realtà che fanno parte della rete culturale Intersezioni, unite per consentire a questo lavoro di trovare luce, grazie al sostegno di MiC e Regione Fvg. I due danzatori si muoveranno tra immagini, ricordi e suoni in uno spettacolo che fa parte delle iniziative culturali di avvicinamento a “Go!2025 – Nova Gorica e Gorizia Capitale europea della cultura 2025”.
Gli eventi saranno a ingresso gratuito, ma è raccomandata la prenotazione su invisiblecities.eu/invisiblecities22.

In\visible Cities è organizzato dall’associazione Quarantasettazeroquattro e co-finanziato dalla Regione Friuli Venezia Giulia, dal Comune di Gradisca d’Isonzo e da Go2025. Il Festival è realizzato in partenariato con Comune di Gorizia, Mittelfest, a.ArtistiAssociati, Css – Teatro stabile di Innovazione del Fvg, Compagnia Arearea, Cooperativa Puntozero, IoDeposito, Damatrà ONLUS, Gruppo78. ARS è un progetto del Comune di Gradisca d’Isonzo finanziato dalla Regione Friuli Venezia Giulia, in partenariato con Mittelfest, Kaleidoscienza, Sissa, OGS – Istituto di vulcanologia e geofisica sperimentale, WWF Area marina protetta di Miramare, Comune di Turriaco, Università di Nova Gorica, Zero Idee.

Ultime notizie

Dello stesso autore