10.3 C
Gorizia
giovedì, 8 Dicembre 2022

Gorizia in sicurezza e in musica con la fanfara della Polizia di Stato

19.11.2022 – 13.43 – L’educazione stradale e la sensibilizzazione al rispetto del codice della strada da parte dei più giovani ma non solo (molti gli Over 50 coinvolti in incidenti), la necessità di fare ancora di più per la sicurezza verso l’obiettivo dei zero decessi per incidente nel 2050, e l’impegno che ogni giorno le donne e gli uomini delle Forze dell’ordine e in particolare della Polizia stradale impegnati e sui percorsi di Autovie Venete si sono trasformati in musica, e della più bella, ieri sera al Teatro Verdi di Gorizia con “Musica in sicurezza”, concerto della fanfara della Polizia di stato in occasione del settantacinquesimo anniversario della riorganizzazione dei servizi di polizia stradale. Il Friuli Venezia Giulia, purtroppo, rimane fra le regioni con il tasso di incidentalità più alto e, come hanno ricordato gli organizzatori dell’avvenimento Paolo Di Domenico, dirigente del compartimento Polizia stradale della regione e il vice Questore Alessandro Rescio, e le molte autorità presenti fra le quali il vicesindaco Chiara Gatta, il prefetto Giuseppe Donadio, l’assessore al Patrimonio Sebastiano Callari e il consigliere Antonio Calligaris, con elevata mortalità spesso motivata dall’uso distratto del telefonino e dei dispositivi elettronici mentre si è alla guida, che supera in diversi casi l’alcol come fattore di rischio. Una situazione, come ha sottolineato anche il presidente di Autovie Venete, Maurizio Paniz, sostenitore dell’evento, che non può essere di certo trascurata.

In presenza anche dei colleghi della Polizia slovena con il questore di Nova Gorica, Evgen Govekar, la fanfara della Polizia italiana, diretta dal maestro Secondino De Palma e composta da circa 50 musicisti ha allietato i numerosissimi spettatori, presenti assieme ai ragazzi e ragazze studenti delle scuole secondarie di primo grado, esibendosi in un repertorio con pezzi da Ennio Morricone a Massimo Ranieri, dai Maneskin all’opera di Verdi, concludendo con l’inno nazionale cantato proprio assieme al pubblico e ai ragazzi nell’emozionante finale.

[f.f.]

Ultime notizie

Dello stesso autore