6.7 C
Gorizia
venerdì, 9 Dicembre 2022

Allerta meteo FVG, a Grado, Lignano e Monfalcone l’alta marea è in progressivo calo

22.11.2022 – 13.15 – A partire dalle prime ore dell’alba è stata registrata, in progressiva crescita, una preoccupante situazione di alta marea nelle città di Lignano, Grado, Marano Lagunare e Monfalcone.
Aggiornamento ore 7.45:
Già dalle 7.45 di oggi, 22 novembre, i volontari della Protezione Civile dei Comuni di Grado e Lignano erano già operativi in prossimità dei centri abitati per monitorare il territorio e l’alta marea, per la quale sono stati segnalati, in tale fascia oraria, picchi di 1,51 metri a Grado e di 1,31 metri a Lignano.
Aggiornamento ore 8.00:
Intorno alle ore 8.00, un nuovo aggiornamento della Protezione Civile ha riportato dati decisamente preoccupanti per le due città che, a seguito della conferma di piogge intense anche nella fascia pomeridiana, hanno rilevato picchi di alta marea di 1,39 metri a Lignano e di 1,58 metri nell’Isola del Sole.
Una crescita così sostanziale del livello del mare ha causato, in particolare in prossimità della celebre isola, ingenti danni: a Grado (alle ore 8.00) il porto risultava sommerso, così come l’ingresso al ponte girevole che collega la città ad Aquileia.
A Lignano è stato invece attivato il COC, l’alta marea è uscita a marina Uno ma non desta problemi, il porticciolo dei residenti risulta in monitoraggio per l’approssimarsi del picco.
A Monfalcone la situazione risulta infine sotto controllo con la marea uscita in prossimità del porticciolo ma senza problematiche.
Da inizio allerta hanno operato 61 volontari e 25 mezzi dei Comuni interessati per interventi e monitoraggio sul territorio.
Aggiornamento ore 13.00:
L’alta marea nella città di Grado ha raggiunto il proprio picco di 1,65 metri intorno alle ore 8:45 e, a partire da quel momento, la marea sta progressivamente calando.
La circolazione nel centro abitato è ancora leggermente interdetta per la presenza di acqua sulle strade.
I volontari di Protezione Civile del comune di Monfalcone risultano ancora attivi per il monitoraggio del territorio, in particolare nella zona di Marina Julia. Il picco di marea non ha fortunatamente determinato particolari criticità.
Anche a Lignano la marea procede in lento deflusso senza particolari criticità.
L’allerta meteo prosegue in tutta la regione fino alla mezzanotte odierna.
Dichiarazioni vicegovernatore e assessore con delega alla Protezione Civile del Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi:
“Abbiamo stanziato 300.000 euro per intervenire, se dovesse essere necessario, in emergenza, per riparare ai danni che l’ondata di maltempo prevista per la giornata di oggi, dovesse causare sul territorio del Friuli Venezia Giulia”.
Queste le dichiarazioni del vicegovernatore e assessore con delega alla Protezione Civile del Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi, che nella giornata di ieri, d’intesa con il governatore Massimiliano Fedriga, ha decretato lo stato di preallarme sul territorio regionale, in vista di un rischio di emergenza, in conseguenza degli eventi metereologici avversi previsti per oggi.
L’allerta meteo è stata diramata alle 13 di ieri dalla Sala operativa della Protezione civile della Regione in conseguenza all’avviso meteo di criticità idrogeologica e di criticità idraulica emessa dal Centro funzionale decentrato di Protezione civile.
“Come di consueto – ricorda Riccardi – gli stati di preallarme rosso o arancione prevedono l’emissione di un decreto di impegno di fondi da impiegare per interventi di somma urgenza nel momento in cui si renda necessario agire tempestivamente per contenere i danni causati dall’ondata di maltempo, a tutela della popolazione, delle infrastrutture e in generale del territorio”.
“L’obiettivo è come sempre quello di essere pronti nel momento dell’emergenza – conclude infine Riccardi – per intervenire in maniera puntuale ed efficace laddove potessero verificarsi danni causati da eventi meteo avversi, per contenere e limitare il loro effetto sul territorio della nostra regione e sulle comunità che lo abitano”.

[a.f.]

Ultime notizie

Dello stesso autore