19.3 C
Gorizia
mercoledì, 28 Settembre 2022

Gorizia, il confine raccontato al Museo del valico del Rafut: a settembre l’apertura

18.08.2022 – 09.30 – A Gorizia è finita l’attesa per il Museo del valico del Rafut, che da settembre proporrà al pubblico una varietà di contenuti sul confine e la sua storia. L’associazione Quarantesettezeroquattro, insieme a Rossana Puntin, funzionaria della programmazione culturale del Servizio cultura eventi e turismo dell’amministrazione locale, hanno curato il recupero della casermetta delle guardie di confine ora adibita a museo (analogamente a quella situata in territorio sloveno che attualmente ospita il museo del contrabbando). Nella casetta saranno presenti immagini provenienti da vari archivi, tra cui spicca quello dell’Istituto Luce, mentre nella seconda stanza sono stati installati tre monitor dove scorreranno le interviste a giornalisti, storici e altre personalità locali su vari temi storici. Tali interviste sono state curate da Alessandro Cattunar, attualmente borsista presso il dipartimento di discipline storiche dell’Università di Padova, e Kaja Širok, storica del confine ed ex direttrice del zavod GO! 2025, mentre la parte grafica è stata realizzata da Elena Guglielmotti, art director e visual designer. L’allestimento è stato concepito il lingua italiana e slovena.

Le aperture del Museo del valico del Rafut avverranno di concerto con il comune di Nova Gorica e i Goriski Muzej, ente che gestisce il museo dedicato al contrabbando con cui si sta concependo un comune percorso storico-turistico, anche coinvolgendo il Museo della Transalpina.
L’apertura del Museo del valico costituisce un’opportunità sia dal punto di vista turistico, sia dal punto di vista della valorizzazione del territorio nel quadro degli eventi di preparazione a Gorizia e Nova Gorica capitale europea della cultura 2025.

[g.p.]

Ultime notizie

Dello stesso autore