15.1 C
Gorizia
lunedì, 3 Ottobre 2022

Gorizia, varietà e qualità alla base della nuova Stagione Artistica del Teatro Verdi

20.09.2022 – 07.30 – A soli tre giorni dall’apertura della stagione artistica presso il Teatro Comunale di Cormons è prontamente giunta la risposta del capoluogo Isontino.
Per la stagione 2022-2023 la futura Capitale europea della Cultura ha nel Teatro Verdi un vero e proprio cavallo di battaglia grazie a spettacoli caratterizzati da un connubio perfetto tra bellezza e, soprattutto, qualità.
La scelta di mettere in scena opere di grande spessore permetterà a Gorizia, città dalla spiccata propensione culturale nonostante i suoi numeri contenuti, di competere con le grandi città del panorama italiano.
Questo è stato il pensiero dell’assessore regionale alla Cultura Tiziana Gibelli che, in compagnia del sindaco Rodolfo Ziberna, dell’assessore Fabrizio Oreti e del presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, ha preso parte alla presentazione di ieri, 19 settembre, del cartellone del Teatro comunale.
Il direttore artistico Walter Mramor ha così esposto il calendario teatrale garantendo un’offerta trasversale e adatta a tutti con 27 spettacoli in scena in serata unica.
Il prossimo 4 ottobre aprirà la campagna abbonamenti, con prezzi invariati per favorire la massima adesione del pubblico, della stagione etichettata come la più bella di sempre.
La ricca stagione del Teatro Verdi, inserita nel percorso verso GO! 2025, conta su otto rappresentazioni in prosa, che spaziano dal teatro classico alla drammaturgia contemporanea, e un variegato percorso di musica e balletto suddiviso in sei appuntamenti.
A questi vanno aggiunti ulteriori sei eventi divisi nelle sezioni Musical, Fun e Family e la nuova sezione Verdi Racconta con protagonisti tre grandi personaggi: Lino Guanciale sulla storia europea, Elio Germano sul Paradiso di Dante e Marco Goldin su Van Gogh.
Nella prosa spiccano i nomi di Franco Branciaroli ne “Il Mercante di Venezia”, di Lodo Guenzi nella “Trappola per topi” di Agatha Christie, di Elena Sofia Ricci ne
“La dolce ala della giovinezza” di Tennesse Williams e di Massimo Popolizio per “Uno sguardo dal ponte” di Arthur Miller.
L’offerta musical, invece, pone la propria attenzione su “Sette spose per sette fratelli” e sul “Casanova” di Red Canzian lasciando poi spazio al Balletto dove, a farla da padrone, è il nome di Eleonora Abbagnato.
Per quanto riguarda la porzione musicale è doveroso sottolineare i due eventi leggeri in compagnia di Cristina D’Avena e i Gemelli di Guidonia e l’omaggio di Alice a Franco Battiato
La direzione artistica del Verdi ha previsto anche due eventi domenicali speciali, il balletto “Lo Schiaccianoci” e lo spettacolo circense “Il mago di Oz”, e ben quattro appuntamenti pomeridiani pensati per i più giovani: “Pinocchio”, “La regina delle nevi”, “Malèfici” e “Peter Pan e Wendy”.

[a.f.]

Ultime notizie

Dello stesso autore